Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Book now Request
it  .  de  .  en
 
 
 
 
Argomenti:     Avvenimenti & Celebrazioni (39)  
 
Elide Venerdì, 29 Dicembre 2017

Una mostra, un libro e dieci anni di storie

Ed ecco che in Casa appaiono le foto giganti, si sfogliano le pagine del libro, si raccontano le storie che vivono nei ricordi e guardano già al futuro: tutto questo è stata la festa per il compleanno della Fondazione, intima, sobria e piena di energia.
Una mostra, un libro e dieci anni di storie
 
 
 
Tutto va come deve andare e come regalo di compleanno la Fondazione trova il suo posto in casa, tra stoffe africane e foto in formato gigante, corridoi luminosi e perfino una serra dove piantare dei pomodori.
E tutto all’improvviso ci troviamo a festeggiare dieci anni di attività della fondazione. Ma questo mi sembra di avervelo già raccontato, di come passa in fretta il tempo, di come sia bello guardarsi indietro e vedere quanto siamo già riusciti a raggiungere insieme. È sul come che mi soffermerò oggi.
È l’11 dicembre quando gli artigiani invadono i corridoi di Casa La Perla per l’installazione del percorso dedicato alla Costa Family Foundation. È un andirivieni continuo, entrano in casa muniti di trapano, seghe e martelli e io quasi quasi mi spavento. Dovremmo essere pronti il 15 dicembre e, tra segatura e cavi in giro, per un attimo perdo la speranza. Mentre gli artigiani stanno lavorando, un po’ più lontano da qui anche le macchine tipografiche stanno facendo lo stesso: il libro dei dieci anni è in stampa! Tanti viaggi, tante ore di lavoro, tante idee condivise, viste e riviste, tanta voglia di tenerlo presto in mano, il nostro libro, di vederla presto realizzata la mostra in casa.
Tutto va come deve andare e come regalo di compleanno la fondazione trova il suo posto in casa, tra stoffe africane e foto in formato gigante, corridoi luminosi e perfino una serra dove piantare dei pomodori. È come un gioco, è come camminare attraverso la storia e ti segue una ventata di ottimismo, una spinta verso tutto ciò che ancora sarà possibile fare.
Poi arriva anche il libro, giusto qualche ora prima che arrivino gli ospiti. “Quali ospiti?”, direte. Quelli in arrivo per la festa di compleanno. Una manciata questa volta. Non vogliamo celebrazioni fastose, ma una cena in compagnia di pochi, la possibilità di regalarsi del tempo prezioso, poco prima di Natale. L’albero in sala caminetto è addobbato, i regali impacchettati. Joe in veste tibetana, io in veste indiana. Il tintinnio di bicchieri, il luccichio degli addobbi natalizi e tanti sorrisi. Michil ci racconta di quanto desiderava riuscire a dare un aiuto concreto a chi ne ha bisogno, di quanto è importante guardare oltre noi stessi, a volte forse anche sfidare l’impossibilità di un sogno, per poterlo raggiungere. Joe lo ha seguito, timorosa all’inizio, di fronte a un mondo così lontano dal nostro, logisticamente e sensorialmente, determinata e coraggiosa poi. Ci racconta di quanto sia bello l’amore che sboccia proprio lì, dove mai credevi potesse sbocciare. È tornata dall’India, senza mai abbandonarla. Qualche anno dopo noi, Merch, Gu e io, torniamo dall’Africa cambiati. Capiamo quanto sia infinito l’aiuto che si può dare concretamente nel mondo. E non perdiamo tempo, così la fondazione cresce e coinvolge. Dall’India, all’Africa, all’Afghanistan, tante storie a cui siamo determinati a dare un happy-end.
La fondazione è un tuffo in un mondo di storie. Una scoperta dopo l’altra, una storia dopo l’altra. Mondi interi che si rivelano, dai colori accesi, dalle storie forti. Sono questi mondi che condividiamo durante tutta la cena del decimo compleanno, fino ad arrivare al taglio della torta: “tanti auguri tanti auguri tanti auguri” cantano i collaboratori entrando in sala caminetto. Noi ci divertiamo, siamo felici di essere lì, ancora insieme. Michil distribuisce i doni e poi tutti a letto, a dare vita a altri sogni da poter condividere e realizzare presto insieme, per farli diventare ancora storie di vita.

Elide
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
 
 
torna su
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
comments powered by Disqus
 
torna su
 
 
 
 
Storie da leggere...
 
 
Nicola Venerdì, 22 Aprile 2016
Fra poco si parte
 
Casa Perla al Pellicano di Porto Ercole: i canederli si tuffano nel blu
Leggi tutto
Attività     Cibo
 
 
 
Manuel Dellago Giovedì, 24 Novembre 2016
Con la cultura non si mangia, ma si vive.
 
Il nostro contributo per una scuola ai giovani tibetani in fuga
Leggi tutto
 
 
 
Joe Mercoledì, 13 Luglio 2016
La Perla: che spettacolo!
 
Il 17 luglio in Casa abbiamo celebrato La Giornata della Cultura Ladina
Leggi tutto
Attività     Ladino
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 Iscriviti 
Str. Col Alt 105 - 39033 Corvara (BZ) Alta Badia - Italia      T. +39 0471 83 10 00      
Informativa privacy     Credits     Cookies     Click to pay     Part. IVA 01231580216     Zeppelin Group – Internet Marketing