it  .  de  .  en
 
 
 
 
Argomenti:     Natura & Ambiente (33)  
Tags:    Bellezza     Inverno     Natura     Silenzio
 
Michil Lunedì, 1 Febbraio 2010

Noi siamo natura. E per un momento l'ho sentito davvero

Un fruscio, un guizzo fulmineo. Intravedo appena un’ombra che fugge. I miei passi lo hanno fatto scappare. In una manciata di secondi il suo abbaiare si disperde nel raggelato silenzio. Paura allo stato brado. L’energia sprecata potrebbe essergli stata fatale. Candida e innocente è la neve per noi, dannata e crudele per il capriolo nel bosco, a lato della pista del Boé.
L’ho spaventato, forse a morte. Sono stato uno sciocco.
Noi siamo natura. E per un momento l'ho sentito davvero
 
È delicato il capriolo, i suoi muscoli non sono possenti come quelli del cervo, con il suo palato da buongustaio sgranocchia appena gli alberi a foglia, non riesce a saziarsi a sufficienza. Fieno non ce n’è. Deve risparmiarsi; il freddo è intenso in questi giorni; ogni movimento non previsto potrebbe essere cibo per l’aquila. Il mio divertimento ha messo in gioco la sua sopravvivenza. Mi inginocchio nella neve, sono stato invasivo: ho violato casa sua. Mi pento. Immobile sotto i due grandi larici non so darmi pace.
In quell’attimo con la coda dell’occhio vedo, ad altezza uomo, del vapore, una specie di segnale di fumo che esce da un masso semicoperto di neve. Mi volto di scatto, per un interminabile momento mi sento braccato. Vorrei andarmene e invece mi avvicino. Tutto è silenzio. Faccio un passo indietro, alzo la testa: sopra di me, la coppia di larici danza lentamente interrogandosi sullo strano individuo con i piedi di papera, lì, in basso dove pochi mesi fa si pavoneggiava la rossa Amanita muscaria. Un po’ a disagio tolgo le ciaspole e mi ci siedo sopra. Passa un tempo immobile: forse un’ora, forse più. Di nuovo: nevica.
Ho gli occhi fissi sul grande masso quando accade di nuovo: un fremito, un’esalazione. Ora l’ho visto chiaramente. Mi alzo e vado ad annusare il punto dal quale era uscita la nuvoletta bianca.
Niente; non c’è niente. Avvicino l’orecchio, respiro appena. Mi sento molto “Zanna Bianca nel richiamo della foresta”. Attendo. Pazientemente e silenziosamente attendo.
Passa altro tempo: un’ora, almeno. Un soffio appena percettibile mi fa sobbalzare. Sposto la testa, guardo, tocco, annuso. Nulla. Torno lì, teso, con l’altro orecchio stavolta. Nessun segnale.
Tremo dal freddo. Mi rimetto le ciaspole, riguardo gli alti larici chini sopra di me. Sorridono della percezione che non ho, dei miei sensi ottusi, così poco ricettivi, dell’umano che non sa cogliere la propria, primordiale essenza.
Sulla via del ritorno scorgo il capriolo, dev’essere lo stesso di prima. È accanto un piccolo abete, a circa venti metri, e stavolta non scappa: immobile mi osserva. Ora mi è chiaro: per un momento la natura mi ha accolto. Mi ha voluto con se. Ha fatto in modo che sentissi i sassi respirare. Con la nostra breve vita non riusciamo a cogliere la loro vita. Noi siamo natura, e per un momento l’ho sentito davvero.
In fondo mi è bastato questo, avvertirlo.
Non avrei potuto chiedere di più. Credo che anche il bosco mi abbia avvertito, o almeno ho avuto questa impressione, come se mi avesse accolto, come quella tigre che ogni sera si avvicinava a Bonatti, senza accostarsi di più, senza oltrepassare quella immaginaria zona di confine, limitandosi solo a riconoscere la sua pacifica e transitoria presenza. Gli uomini e gli animali forse sono così, consapevoli della propria essenza.
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
 
 
torna su
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
comments powered by Disqus
 
torna su
 
 
 
 
Storie da leggere...
 
 
Michil Giovedì, 1 Dicembre 2011
Eppure è tutto così bello
 
Il potente V6 ruggisce come un leone preistorico di ferraglia prima che torni ...
Leggi tutto
Bellezza     Dolomiti     Natura     Turismo
 
 
 
Manuel Venerdì, 21 Settembre 2012
Valori condivisi
 
Felicità Signore e Signori. Il mio gravoso compito e quello di presentarvi i ...
Leggi tutto
Bellezza     Etica     Famiglia Costa     Pensieri     Silenzio
 
 
 
Michil Domenica, 1 Giugno 2014
Il gallo cedrone, Pareto, e la perfezione
 
Dire che la perfezione non esiste è assai riduttivo. Dipende da cosa s’intende ...
Leggi tutto
 
 
 
 

 
 
Str. Col Alt 105 - 39033 Corvara (BZ) Alta Badia - Italia T. +39 0471 83 10 00      Fax +39 0471 83 65 68
Privacy     Credits     Click to pay    Part. IVA 01231580216     Zeppelin Group – Internet Marketing