Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Book now
it  .  de  .  en
 
 
 
 
Argomenti:     Natura & Ambiente (38)  
Tags:    Alto Adige - Südtirol     Dolomiti     Paesaggio
 
Elide Martedì, 22 Ottobre 2013

Fanes

L‘Auróna, “el paìs dal òr y da la lùmes” (il paese dell’oro e della luce). Oro e pietre preziose dappertutto, vi è solo una macchia che oscura questo brillio: l’imponente portone alato, che dà accesso al regno, non si apre. Mai.
Fanes
 

Non vi è un raggio di sole che riesca a penetrare le tenebre. L'oscurità regna sovrana e al buio le pietre preziose hanno perso il loro splendore: non luccicano. Tanti anni fa, il re d'allora strinse un patto con il diavolo: il re e la sua corte, avrebbero rinunciato alla luce del sole, in cambio, il diavolo avrebbe soddisfatto in eterno la loro brama di pietre preziose ed oro.
È forse una metafora dei nostri tempi?
No, “les stories de Fanes é pö tröp plö vedles”, le leggende di Fanes sono state tramandate oralmente dai primi popoli dolomitici. L’Aurona è solo una tra le tante leggende del Regno di Fanes, proveniente da un regno magico del passato.
All'inizio del ventesimo secolo, Karl Wolff si è messo alla lunga ricerca di queste leggende, armato di taccuino e penna. Ha ascoltato i racconti dei ladini con pazienza, annotandone le storie con solerzia. Ed è così che queste leggende sono state messe su carta, arrivando a nuovo splendore.
Non vi è ancora un’opinione unanime sul significato del nome ‘Fanes’. L’alpe Fanes è menzionata per la prima volta tra il 1002-1004. L’altopiano, l’odierno parco naturale Fanes-Sennes-Braies, si estende tra Marebbe, Dobbiaco, Cortina e Badia. Non è un prato verde da pascolo; roccioso e frastagliato, ricco di laghi, suscita stupore. Eppure, nonostante possa essere raggiunto solo dopo una lunga marcia a piedi, attrae numerosi scalatori ed escursionisti curiosi.
Lassù, in alto in alto tra il Hoher Geisel e il Conturines, si narra dell’esistenza di un regno fittamente abitato, il Fànisburg, la cui fortezza giaceva sul Conturines e le marmotte ne erano guardiani e custodi. Ma poi, giunse la fine: quando l’ultimo re di Fanes abbandonò i suoi guardiani, il regno crollò.
Oggi si sente ancora, il fischiettio delle marmotte, all’ombra del Lagazuoi, tra le rocce fredde e i raggi di sole caldi e luminosi, che trafiggono l’amena aria autunnale; è come se il vento ci parlasse, raccontandoci dello splendore passato di questo regno, quando l’uomo e la natura erano una cosa sola.

Elide 

Fonte: 2009, Karl F. Wolff, “Dolomiten Sagen” (Spectrum, Verlagsanstalt Athesia Bozen)

 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
 
 
torna su
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
comments powered by Disqus
 
torna su
 
 
 
 
Storie da leggere...
 
 
Michil Giovedì, 1 Dicembre 2011
Eppure è tutto così bello
 
Il potente V6 ruggisce come un leone preistorico di ferraglia prima che torni ...
Leggi tutto
Bellezza     Dolomiti     Natura     Turismo
 
 
HB
 
Haig Barclay Lunedì, 7 Ottobre 2013
Corvara vissuta da un Inglese
 
Tanto, ma neanche tanto, tempo fa.
Leggi tutto
Corvara     Dolomiti     Inverno     Paesaggio
 
 
 
Michil Mercoledì, 1 Febbraio 2012
Giù le mani dall'Aurino!
 
Sto seguendo con interesse i nuovi progetti di sfruttamento idroelettrico ...
Leggi tutto
 
 
 
 

 
 
Str. Col Alt 105 - 39033 Corvara (BZ) Alta Badia - Italia      T. +39 0471 83 10 00      
Privacy     Credits     Cookies     Click to pay     Part. IVA 01231580216     Zeppelin Group – Internet Marketing