Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Book now Request
it  .  de  .  en
 
 
 
 
Argomenti:     Perso & Dimenticato (9)  
Tags:    Bellezza     Natura     Viaggio
 
FDO
Franco Domenica, 3 Maggio 2015

Da Ischia a Corvara sotto un cielo unico

Il cielo è sempre lo stesso? Quando dalle finestre che arredano le ampie sale della colazione entra solo grigio mi dico “no, non è lo stesso”. Ma quando dalle finestre è l’azzurro a bussare allora mi dico che sì, forse viviamo sotto un unico cielo. Non ci sono nord e sud e soprattutto la distanza che separa il mare dai monti si fa molto più “picciriella”.
Da Ischia a Corvara sotto un cielo unico
 
 
 
“Tutti pensano che il mare sia una cosa e la montagna un’altra, ma non è così.“
Nei secoli abbiamo iniziato a distinguere il nord dal sud per motivi di orientamento. Seguendo le stelle. Stella Polare e Croce del Sud. Sono stati i marinai a leggere il cielo. E non abbiamo più smesso di farlo. Quando è l’azzurro a disegnare i monti, questi monti che ormai mi appartengono come gli scogli della mia isola, riconosco che è lo stesso azzurro che accarezza il mio mare: un azzurro prima leggero e dopo, con l’andare delle ore, sempre più intenso. E poi di nuovo leggero fino a quando non si dipinge di blu, come diceva la nota canzone di un noto cantante ladino. E vabbuò, sto a pazzià. Certo è che quando qui è tutto azzurro sento che la mia isola è più vicina. La vedo sbucare dietro al Sassongher e mi verrebbe da dirlo a tutti quelli che stanno facendo colazione: “Oh guardate là, c’è Ischia laggiù, non la vedete? È così bella, come fate a non accorgervene?” Poi sorrido e penso al grande Pino, mannaggia. Je so pazzo canticchio fra me e me. Il sorriso non mi manca mai. 
All’azzurro del cielo sono state dedicate molte canzoni, la più famosa è certamente quella scritta da Paolo Conte e resa celebre da Celentano. A volte penso che la magia delle canzoni si diffonda attraverso la luce del cielo. Solo così si spiega come una melodia possa piacere “a prescindere”, come direbbe Totò. E di nuovo, la musica come l’azzurro, avvicina il mare ai monti. Tutti pensano che il mare sia una cosa e la montagna un’altra. No, siamo noi che abbiamo voglia di crederlo. Il mare e i monti suonano la stessa musica: quella della bellezza. Per questo hanno molte similitudini. Quando siete in cima a un cocuzzolo, cosa vedete? Una meravigliosa e sconfinata distesa di cielo. E quando siete su una barchetta in mezzo all’acqua cosa vedete? Una meravigliosa e sconfinata distesa di cielo. E allora il cielo è il nostro soffitto, ovunque noi siamo. Ed è il cielo ad avvicinare il mondo. Certo, tra il mare e la montagna a cambiare è lo stato delle cose: liquido e solido. E nel liquido ci sono i pesci e sul solido sgambettano i camosci. Ma fateci caso: se guardate la superficie del mare, quando è placido e tranquillo sia chiaro, e osservate l’increspatura delle onde cosa vedete? Tanti riflessi, un luccichio che mi ha sempre incantato. E se guardate da vicino le rocce che brillano al sole cosa vedete? Lo stesso luccichio che si disperde nell’aria. Ma non vi voglio convincere che il mare e la montagna siano la stessa cosa. No, certo. Hanno, però, lo stesso fascino, la stessa magia: parlano entrambi la lingua del cuore. Lo so, state già dicendo “ecco il solito sentimentale tutto anema e core”. No, no, vi dico la verità: c’è un po’ di Mediterraneo quassù, lo sento, lo annuso, lo vedo. E quando guardo il cielo dalla mia isola vedo riflesso nell’acqua il profilo dei monti. Certo, non accade tutti i giorni. Ma solo quando è l’azzurro ad avvolgere ogni cosa. Allora anche l’aria si fa più leggera ed è bello uscire all’aperto, dopo aver sistemato tutta la colazione, e respirare a pieni polmoni. E sentire che tutto è più vicino, anche se così lontano. E sentire che siamo parte di questo mondo, troppe volte maltrattato. E per un attimo rivedo la mia isola proprio qui, davanti a me. E ringrazio questo azzurro che mi fa volare lontano, dal ginepro al rosmarino. E per un attimo mi sembra di toccare il cielo con un dito.

Franco d'Orio
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
 
 
torna su
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
comments powered by Disqus
 
torna su
 
 
 
 
Storie da leggere...
 
NDP
 
Nicoletta Del Prete Mercoledì, 27 Novembre 2013
Il massaggio Thai
 
Davide di ritorno dalla Thailandia.
Leggi tutto
Bellezza     Viaggio
 
 
 
michil Mercoledì, 1 Ottobre 2014
Autunno la stagione dentro
 
Vento da nord in questi giorni di fuori stagione. I larici dondolano al suo ...
Leggi tutto
Bellezza     Natura     Sassongher
 
 
FR
 
Francesco Ricci Lunedì, 29 Giugno 2015
Dolomiti
 
Patrimonio mondiale della bellezza
Leggi tutto
Bellezza     Dolomiti     Estate     Inverno     Natura
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 Iscriviti 
Str. Col Alt 105 - 39033 Corvara (BZ) Alta Badia - Italia      T. +39 0471 83 10 00      
Privacy     Credits     Cookies     Click to pay     Part. IVA 01231580216     Zeppelin Group – Internet Marketing