it  .  de  .  en
 
 
 
 
Argomenti:     Natura & Ambiente (35)  
Tags:    Attività     Dolomiti     Inverno     Natura
 
CB
Concetta Bonaldi Lunedì, 30 Settembre 2013

Ciaspolata nella valle dei mulini

Sono molte le ciaspolate da poter intraprendere in val Badia, ma una è particolarmente adatta per chi ama meditare ed essere a stretto contatto con la natura.
Ci si avvia a piedi nella parte laterale della val Badia, a Lungiarü nel comune di San Martino, un paese tranquillo che conserva un’antica cultura contadina, un posto incontaminato dove si potrà intravedere solamente una pista da slittino.
Ciaspolata nella valle dei mulini
 
 
 
“Ci sono posti dove è piacevole assaporare il silenzio, luoghi dove gli unici suoni possibili sono quelli della natura.”
Ci si avvia a piedi nella parte laterale della val Badia, a Lungiarü nel comune di San Martino, un paese tranquillo che conserva un’antica cultura contadina, un posto incontaminato dove si potrà intravedere solamente una pista da slittino.
Si parte a piedi dalla piazza del paese andando verso sud e seguendo l’indicazione “Seres-valle dei mulini”. Proseguendo in salita, e attraversando i masi, si giunge nelle vicinanze delle viles di Seres, lasciando a destra l’agriturismo “Lüch de Vanch”, si gira a sinistra seguendo la strada interpoderale in leggera discesa sino ad arrivare ad un bivio con diverse indicazioni.
Giunti in questo punto si può proseguire l’itinerario con le ciaspole prendendo il sentiero numero 5 “Forcella de Furcia- Kreuzjoch” e in soli 7 km si raggiunge la malga “Furcia”. Il percorso, non molto impegnativo e in leggera salita, attraversa il bosco e permette di osservare la bellezza del gruppo dell’Antersass. Dopo aver camminato per 4 km, la valle si apre e si potrà vedere il passo Furcia de Madagles, a sinistra la cima Puez e Piz Duleda (3000 m). Proseguendo per 3 km si giunge al rifugio malga Furcia, dove si può sostare e visitare la particolare stufa a legna, assaggiare il “Kaiserschmarren” ed un bicchiere di vin brulé. Dalla baita si continua per 300 m verso sinistra fino a raggiungere il passo Furcia (2293 m), dove si può ammirare la valle di Funes, a sinistra si intravede il rifugio Brogles- Resciesa, il “Corno” del Renon e le alpi sarentine.
Per il ritorno si ripercorre la strada dell’andata e una volta giunti nelle vicinanze di un maneggio, si gira a sinistra e si arriva nuovamente a Lungiarü. La passeggiata, che parte da Lungiarü e che arriva al passo Furcia, è di 18 km con un dislivello di 870 m e ha una durata di circa 5-6 ore; è consigliabile avere un’intera giornata a disposizione per poter ammirare il paesaggio e per poter assaporare la particolare quiete del luogo.
È un luogo davvero incantevole.

Concetta Bonaldi
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
 
 
torna su
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
comments powered by Disqus
 
torna su
 
 
 
 
Storie da leggere...
 
 
Michil Giovedì, 1 Dicembre 2011
Eppure è tutto così bello
 
Il potente V6 ruggisce come un leone preistorico di ferraglia prima che torni ...
Leggi tutto
Bellezza     Dolomiti     Natura     Turismo
 
 
CO
 
Claudia Orlandi Domenica, 16 Dicembre 2012
Attraverso il Puez
 
A volte il nostro sguardo cade sul Passo Gardena con una certa apprensione, ...
Leggi tutto
Dolomiti     Estate     Itinerari     Natura
 
 
 
Michil Giovedì, 1 Aprile 2010
C'era una volta una valle paludosa...
 
La natura regnava sovrana: incolta, impervia, lussureggiante.
Leggi tutto
Dolomiti     Ladino     Natura     Sassongher
 
 
 
 

 
 
Str. Col Alt 105 - 39033 Corvara (BZ) Alta Badia - Italia T. +39 0471 83 10 00      Fax +39 0471 83 65 68
Privacy     Credits     Click to pay    Part. IVA 01231580216     Zeppelin Group – Internet Marketing