Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Book now Request
it  .  de  .  en
 
 
 
 
Argomenti:     Opinione & Politica (25)    Riguardo & Diritti (28)  
Tags:    Etica     Pensieri
 
michil Domenica, 1 Ottobre 2017

Ad accontentarsi del giusto si vive meglio

Ci sentiamo minacciati perché pensiamo che gli altri possano portarci via quello che abbiamo. Ma è davvero così? O non ci stiamo ingannando, perché abbiamo paura di guardare la realtà per quella che è?
Ad accontentarsi del giusto si vive meglio
 
 
 
Pensiamo davvero che i migranti, i neri, i poveri del mondo siano contagiosi? Che portino il male e la malaria? Pensiamo che gli altri al di fuori di noi siano solo capaci di corrompere i nostri usi, costumi e coscienze?
La Perla, Corvara. Una distinta signora arriva in taxi, accenna un buongiorno, si guarda un po’ intorno come a fiutare l’aria. Austera, cammina lieve, dritta come il campanile della chiesetta di Santa Caterina qui fuori. Accompagnata in camera, servita e riverita di tutto punto, scende mezz’ora dopo: i passi si sono fatti pesanti, la leggerezza degli agi svanita di colpo, il viso corrucciato: “Sono stata minacciata da dei neri (l’espressione che usa non è questa, è ben più colorita) e ora me li ritrovo qui in mezzo alle montagne.” Subito non capiamo, poi tutto si chiarisce, come il cielo che si fa azzurro dopo il temporale: accendendo la tv in camera per prima cosa c’è la presentazione della Fondazione, con tanto di neri, tibetani, afghani. Il nostro ponte con il mondo, perché nei ponti da costruire, come scriveva Alexander Langer, ancora ci crediamo. A cena mi avvicino per cortesia al suo tavolo, ed ecco che la signora ne ha di ogni per la gente di colore. Non l’ascolto e la lascio sola a sproloquiare sui negher di qui e i negher di là. Molte domande mi ronzano nel cervello e di risposte ne ho sempre meno. Arriva un nuovo giorno. I neri non li abbiamo tolti dalla tv. La signora chiede il conto. Doveva stare due settimane. Abbiamo perso un cliente, troveremo altri ospiti.

Albergo Posta Marcucci, Bagno Vignoni. Una coppia di anziani è seduta davanti al Barrino, beve qualcosa ammirando la bellezza della Val d’Orcia. Mi avvicino per fare due chiacchiere; la signora, sostenuta dallo sguardo compiaciuto del marito, mi fa: “Quello che mi piace di questo posto è che non se ne vedono in giro. Eh già, qualche problema l’avete anche voi in Alto Adige a quanto pare.” Non capisco e lascio perdere. Siamo a cena. Mi avvicino di nuovo al tavolo dei due signori e lei subito si ringalluzzisce: “Solo uno ne ho visto oggi qui, non se ne può più di questi neri (usa un altro termine, ma lasciamo stare) che sono dappertutto.” Ora capisco! Il giorno dopo chiediamo a Sekou di servirle il caffè. Sekou, che aveva il padre schiavo, l’intera famiglia uccisa nelle faide che da anni imperversano nel Niger; è arrivato qui solo, senza niente, ma nonostante gli occhi velati di una tristezza indelebile, riesce a sorridere e a muovere le sue mani grandi con grazia. Respiro.

Ristorante El Brite de Larieto, Cortina d'Ampezzo. Un signore inorridisce di fronte a una cameriera di colore vestita in costume ampezzano (come se i nostri vestiti fossero dei costumi, vabbè). Non sa che la cameriera ventiseienne originaria della Guinea Bissau risiede in Veneto oramai da diversi anni. Forse non sa nemmeno che il mondo gira. Ornato di ipocrisia e diciamolo pure, di razzismo bello e buono, si lamenta e scrive una recensione su Tripadvisor: “Non ho apprezzato che a servire con un costume ampezzano fosse una persona di colore”. I proprietari del ristorante si rivolgono ai responsabili del portale chiedendo di togliere quel commento. È pur vero che su Tripadvisor si trova di tutto, anche commenti del tipo “Bella la fontana di Trevi, sarebbe opportuno spostarla in una piazza più grande…”, poi quel commento viene tolto, intanto però ha già fatto il giro del mondo, scoprendone anche l’autore. Pensiamo davvero che i migranti, i neri, i poveri del mondo siano contagiosi? Che portino il male e la malaria? Pensiamo che gli altri al di fuori di noi siano solo capaci di corrompere i nostri usi, costumi e coscienze? A fronte dei paranoici incapaci di gettarci con energia e positività in quel calderone che è la vita noi andiamo avanti con un sorriso, consapevoli che siamo tanto fortunati a potere vivere qui. E quindi, per quanto mi riguarda, mi tuffo nella bellezza della vita, ribellandomi senza timore alle ingiustizie nel mondo! Anche perché, e questa sì che è una scoperta, ad accontentarsi del giusto si vive meglio.

michil costa
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
 
 
torna su
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
comments powered by Disqus
 
torna su
 
 
 
 
Storie da leggere...
 
 
Elide Mercoledì, 13 Aprile 2016
Il valore dei valori
 
I valori indicano la strada, ma stare in carreggiata non è così facile
Leggi tutto
Bellezza     Etica     Famiglia Costa     Pensieri     Silenzio
 
 
 
Valerio Venerdì, 12 Febbraio 2016
Ho scritto una lettera al proprietario di Amazon
 
Quando la vita è come quella nei film
Leggi tutto
Etica     Internet
 
 
 
michil Sabato, 1 Ottobre 2016
Ma la nostra super-intelligenza a cosa serve?
 
Migranti, stelle, acqua, ghiacci, ambiente. E incontri. C’è un ordine nel ...
Leggi tutto
Etica     Paesaggio     Pensieri
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 Iscriviti 
Str. Col Alt 105 - 39033 Corvara (BZ) Alta Badia - Italia      T. +39 0471 83 10 00      
Privacy     Credits     Cookies     Click to pay     Part. IVA 01231580216     Zeppelin Group – Internet Marketing