it  .  de  .  en
 
 
 
 
Argomenti:     Natura & Ambiente (34)    Opinione & Politica (21)  
Tags:    Illuminazione     Natale     Paesaggio
 
DD
Diego Delmonego Sabato, 1 Dicembre 2012

A tu per tu con le stelle

150 anni fa arrivarono nelle Dolomiti i primi rocciatori. L'alternanza fra il giorno e la notte dettava ancora i ritmi della vita e scandiva il tempo. Oggi una legge ci pone un contenimento. Quello luminoso.
A tu per tu con le stelle
 
La Provincia di Bolzano sul Bollettino Ufficiale N. 31/I-II del 31/07/2012, ha emanato i criteri per le misure di contenimento dell'inquinamento luminoso ai sensi dell'articolo 1 comma 3 della legge provinciale 21 giugno 2011, n.4. http://www.regione.taa.it/bur/pdf/I-II/2012/31/BO/BO31120180124.pdf
Questi gli obiettivi: il risparmio energetico attraverso una migliore nonché mirata e dedicata illuminazione degli spazi pubblici, prevalente fonte di disturbo del sonno per l'uomo e di annientamento per milioni di insetti che, attratti da fonti di luce in vista, periscono su di esse determinando scompensi nella catena alimentare.
Emergenza luminosa:http://www.hellenot.org/index.php?id=49&L=2

Le emozionanti storie dei primi rocciatori che poco più di 150 anni fa iniziarono a scalare le cime dei Monti Pallidi, diedero a molti lo spunto per inoltrarsi in essi portando cenni di benessere alla popolazione locale. La prima Guerra Mondiale portò tra i monti un devastante fronte bellico. Potenti riflettori inondarono con accecanti fasci di luce postazioni e luoghi di combattimento per localizzare il nemico. Fu la prima volta che il mondo magico delle Dolomiti venne profanato dalla luce artificiale. Oggi l'inquinamento luminoso dell'ambiente ha raggiunto livelli tali da privare l'uomo della vista sul cielo stellato e compromettere il ciclo della vita sul pianeta. Cielo buio: http://cielobuio.org/

La ricezione turistica si ostina a voler attrarre l'ospite con facciate illuminate a giorno, luminarie natalizie a contorno dei fabbricati in ogni stagione come fossero giostre e cieli stellati artificiali a soffitto di vasche e centri benessere. Siamo sinceri, non è che forse l'offrire la vista incontaminata sulla volta celeste potrebbe essere più allettante che subire l'inutile abbaglio di una marea di fonti luminose? Un' opzione certamente più economica, ecologica e affascinante.
Il cielo in terra?
In questo senso anche il periodo di accensione delle luminarie natalizie viene ridotto ad un periodo di massimo 60 giorni. La spettacolare e maestosa visione del cielo stellato andrà sicuramente a ridimensionare la diffusa velleità di creare cieli stellati sulla terra e le posizioni di coloro che vanno fieri della loro vanitosa manciata di stelle perennemente illuminate a festa. Felice Natale!
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
 
 
torna su
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
comments powered by Disqus
 
torna su
 
 
 
 
Storie da leggere...
 
 
Michil Venerdì, 1 Ottobre 2010
Natura violata
 
La Provincia di Bolzano ha autorizzato una nuova strada di penetrazione –oramai ...
Leggi tutto
Dolomiti     Natura     Paesaggio
 
 
 
Michil Mercoledì, 1 Dicembre 2010
Cheeseburger & Cola
 
Il razionalismo etico di Democrito mi porta a riflettere su come si sono ...
Leggi tutto
Alta Badia     Pensieri     Turismo
 
 
 
Michil Mercoledì, 1 Giugno 2011
Il ballo del mattone con Reinhold Messner Cubista
 
È una calda domenica pomeriggio. Non è ancora giunto il momento per addentrarsi ...
Leggi tutto
 
 
 
 

 
 
Str. Col Alt 105 - 39033 Corvara (BZ) Alta Badia - Italia T. +39 0471 83 10 00      Fax +39 0471 83 65 68
Privacy     Credits     Click to pay    Part. IVA 01231580216     Zeppelin Group – Internet Marketing