Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Book now Request
it  .  de  .  en
 
 
 
 
Argomenti:     Bello & Buono (37)    Spirito & Humour (21)  
Tags:    Felicità     Personalità
 
Paolo Mercoledì, 24 Maggio 2017

La dignità dell’espresso

Più che una torrefazione, Giamaica è un laboratorio in cui si produce con metodi artigianali il miglior caffè del mondo. A guidarla è un uomo schietto, che non conosce mezze misure e compromessi.
La dignità dell’espresso
 
 
 
La torrefazione è nata cento anni fa e il suo fine non è mai cambiato nel corso del tempo: portare in tazza il vero, autentico espresso italiano.
Gianni Frasi non è solo un purista del caffè, è un estremista. Non ci sono mezze misure per lui: o è nero o è bianco, vale a dire o è Arabica, quindi caffè, o è Robusta, quindi non è caffè. Nella tipologia Robusta possiamo tranquillamente inserire il 90% se non di più del caffè consumato nel mondo. Quindi la maggior parte di noi quando beve un caffè in realtà non sta bevendo il caffè ma un sottoprodotto del cosiddetto. E se pensiamo che il caffè è considerato uno dei cinque elementi più influenti nel mondo, più dei diamanti addirittura, qualche domanda sarebbe lecito farsela. Gianni Frasi sostiene che è una questione di DNA diverso e solo l’Arabica ha tutti i geni in regola per definirsi caffè. A questo punto vi state chiedendo chi è Gianni Frasi. Ebbene, l’uomo è un artigiano che ha una piccola torrefazione a Verona che si chiama Giamaica, perché dovete sapere che in Giamaica non c’è solo il reggae, Bob Marley e Usain Bolt. In quell’isola della filibusta ci sono le Blue Mountain, luogo sacro in cui si coltiva – non pensate male, eh – un pregiatissimo caffè monorigine 100% arabica. Dovete anche sapere che la torrefazione Giamaica è nata la torrefazione è nata cento anni fa e il suo fine non è mai cambiato nel corso del tempo: portare in tazza il vero, autentico espresso italiano. cento anni fa e il suo fine non è mai cambiato nel corso del tempo. L’obiettivo unico e dichiarato della torrefazione è di portare in tazza il vero, autentico espresso italiano. Altro elemento importante da sapere è che la torrefazione lavora a ritmi lenti: un’unica macchina dal nome regal-coloniale, Victoria, che non è più reperibile sul mercato, lavora a fiamma diretta poco più di cinquanta chili di chicchi ogni quarto d’ora circa. Attenzione: qui si va a sentimento e cultura e non si è schiavi delle lancette della produttività a tutti i costi. E alle sette di sera si chiude bottega. Più che una torrefazione è un laboratorio denso di profumi ricchi, opulenti, fragranti, dirompenti. Adesso facciamo un salto all’indietro: diciotto anni fa Michil contatta Gianni per avere notizie del suo caffè. Si conoscono, si fiutano, si trovano simpatici, cosa che non è mai scontata con Gianni e poi il nulla. Diciotto anni di nebbia, di limbo, di sospensione temporale o chiamatela come vi pare. Poi un giorno in Casa viene fuori di nuovo il nome di Gianni. Sì, dai, contattiamolo, andiamo a trovarlo e osanna di questo tipo da parte di tutti, Nicolò, Manuel, Michil e il sottoscritto. Manuel contatta Gianni il quale dice che lui riceve solo Michil. Non vuole parlare per interposta persona. E allora imbastiamo una spedizione vera e propria, guidata ovviamente da capitan Michil. Direzione Giamaica torrefazione, Verona. Cosa credete, mica palme, spiagge, belle figliole e tutta quella roba lì. Arrivati a destinazione ci troviamo davanti un piccolo cancello con appesa una vecchia e poco appariscente insegna in cui c’è scritto ‘Torrefazione Caffè Giamaica’ e in piccolo ‘sede’. In epoca di led luminosi, raggi laser, ologrammi 3d, questa insegna modesta è pura poesia. E fa capire molte cose di Gianni. A proposito di tempi moderni, non cercatelo su internet, il sito non c’è. E nemmeno su facebook, una pagina non c’è. Altro mondo, altra storia, un’altra dimensione. Entriamo. La stretta di mano fra Gianni e Michil è proverbiale: ‘Caro Michil, ci hai messo diciotto anni a capire cos’è un buon caffè’. Dopodiché veniamo immersi in un mondo parallelo accompagnati dalle frasi tra il metafisico, il filosofico e il poetico che Gianni elargisce con parsimoniosa teatralità. Ed è così che il buon caffè di Gianni Frasi adesso lo potete trovare al bar di Casa, alla Stüa di Michil nella tipologia monarabica Chickmagalùr Karnataka, al Ladinia e anche al Posta Marcucci. Motivo in più per venirci a trovare, no?

Paolo
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
 
 
torna su
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi il tuo pensiero con noi
 
comments powered by Disqus
 
torna su
 
 
 
 
Storie da leggere...
 
 
Paolo Sabato, 31 Ottobre 2015
Il Postrivoro, meta di culto dei gastropellegrini erranti
 
L’ultima volta che si è svegliato ha pensato di chiamare Oswaldo Oliva e il ...
Leggi tutto
 
 
 
Manuel Lunedì, 15 Maggio 2017
Il giro di Casa in cinque ristoranti
 
Giovedì 22 giugno, la cena è servita in ogni dove
Leggi tutto
Attività     Cibo
 
 
 
Lisa Venerdì, 3 Novembre 2017
Elogio dell’inverno
 
È nel freddo che la vita si accende
Leggi tutto
Inverno     Pensieri
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 Iscriviti 
Str. Col Alt 105 - 39033 Corvara (BZ) Alta Badia - Italia      T. +39 0471 83 10 00      
Privacy     Credits     Cookies     Click to pay     Part. IVA 01231580216     Zeppelin Group – Internet Marketing